LE POESIE
ROMANESCHE

Poesie
Poesie 2
 Vincenzo Fani   Lea Mina Ralli  Fernando Mina  Leda Salusti
 Lea Mina Ralli  Leda Salusti  Lea Mina Ralli    

L'ARANCIONE
di Lea Mina Ralli

E penz che l'arancione
me piaceva
perch solare, luminoso
chiaro..

Adesso nun z pi
che devo di'
perch Attenzione
vle sugger

O mejo..."Allarme
p tutta la tera"
ingeneranno 'na paura
vera.

A 'sto punto me viene
da concrude
che lo detesto davero
'sto colore


PRESENTAZZIONE
(
dalle poesie romanesche di Vincenzo Fani - troverete sue notizie nella pagina Ultimissime)

Er Flavio, 'na Funtana
Er Cuppolone
Te penzeno cos
Le genti strane
Te vedeno cos
Le genti bone.

Io canter cos
Come canzone
Er Flavio, la Funtana
            Er Cuppolone.         

    

Questo sonetto ispirato alla Fontana di Trevi

ER POVETA

Funtana sotto casa
La vrse un Papa pio
Voleva fa' na cosa
Che stava bbene a Dio.

Chiamato l'architetto
J disse : "Vieni avanti
Disegneme un proggetto
Mejo de tutti quanti".

Co' quer disegno 'n mano
T'ha fatto 'sta funtana
Ch'invidia er monno sano.

E' tanto fantasiosa
Ch'en basteno parole...
Nun basta dinne a josa.


VOLO DE NOTTE
di Lea Mina Ralli

L'Arcangelo volle scegne dar Castello
p fa' de notte un volo a carosello
e ispezzionasse Roma parmo a parmo
su da la Mole insino ar fiume carmo.

Volanno ne la notte fra le stelle
s'entusiasm p tante cose belle.
P'ariposasse poi e ripij fiato
Su 'n dondolo arancione s'e sdrajato

e in quer momento se sent beato
e cor Padreterno s' congratulato
p tutte le bellezze c'ha riunite
drent'a 'sta tera da le mille vite

Monte d cocci Piramide Aventino
ar centro er Cuppolone ch' divino
sopra de lui le luci de le stelle
lontano le lucciole de romane finestrelle.

Guardanno s' estasiato da 'st'incanto
mentre dar core j salito un canto:
Che bello arimir 'sta citt mia
mejo de questa credo nun ce sia

io, dar Castello ind sto confinato
sento solo un fracasso indiavolato
che me rattrista e me da malinconia

e der Paradiso tengo nostarggia
Ma m ner vede Roma l addormita
me so' convinto quasi p magga
ch'er Paradiso questo: Roma mia.

DU' AMICONI
di Lea Mina Ralli

Conosco du'fanelli assai carini
che nun zo' mica tanto regazzini
li vedo sfrecci sverti in motoretta
p anna' de sera a cercasse la maschietta.

Cianno li ricci ar vento spettinati
le majette e li ginz sempre attillati
e sempre assieme fin da piccoletti
cianno uguali puro li difetti.

Ma de difetti nun ce n'hanno tanti.
Infine! Nun so' mica nati santi !
Solo sfrenate corse de pallone
su quella piazza davanti alla stazzione.

Solo 'na cosa cianno divergente
li colori de Squadra solamente
fra Roma e Lazio,'na schermaja
armata
e solo p la Porta tanto amata.

L'avvenire j dar strade diverse:
potranno sta lontani...ci p sse
ma la'amicizzia che fra loro nata
rimaner p sempre inarterata.

E 'st'amicizia profonna assai sincera,
che d 'sti tempi nun pare manco vera,
ci solo un neo p 'sti regazzi belli
quello d'esse solo amichi e no fratelli.


Versi dedicati al Flavio e  ispirati dal famoso detto:
Se cadr il Colosseo anche Roma cadr e se Roma cadr anche il mondo cadr 

LO STROLIGO
di Vincenzo Fani

Stanotte m'inzognai
Er Culiseo crollato
Che strano! Me penzai
Che vto ch'ha lassato.
Appena me girai
Rimasi senza fiato:
Roma nun c'era pi...
A! Tutto spianato!
Ma ecchete de botto
Un antro quarant'otto...
Er monno s'era rotto
Er sopra era sparito
E 'n c'era gnente sotto.

Fortuna ...me svejai
E ripenzanno ar fatto:
" Per nun se s mai...
m dico 'na preghiera
p mantenello dritto".

Poesia Ispirata dall'entrata di San Pietro da dove si sale fino al Cupolone. 

L'ENTRATA
di Vincenzo Fani

'na piazza, 'n colonnato
e poi tanto serciato
co' 'n obbelisco 'n mezzo
e du' finestre a lato
che fanno da tramezzo.

'na scalinata lenta
che pare 'na salita
te porta piano piano
dove c' l'artra vita.


EDUCAZZIONE CANI CIVICA 
di Lea Mina Ralli  

Storie de cani devoti e inteliggenti
ne conoscemo de stupefascenti
ma er cucciolo ch'ho visto ar Trionfale
degno d'sse messo sur giornale.

   In du' parole ve la dico tutta
e capirete perch s stupeffatta:
Annavo de bon'ora lsta lsta
a la fermata der tranve verso destra

quanno me s' affiancato un cuccioletto
de pelo liscio e cor musetto dritto.
Trotterellava p li fatti sua
sur marciapiede stretto de la via.

   A 'n certo punto se ferm de scatto
quasi volesse attraverz de botto
ma s'orient preciso ar pedonale
segnato da la striscia orizzontale

l ar semafero rosso pose mente
e s'accucci assai pazzientemente...
Scattato er verde s'avvi squadrato
s come 'no scolaro assai educato.

L'avrei proposto l seduta stante
p 'na onoreficenza assai importante
e c 'na scritta davero eccezzionale :
"Educazzione canicivica spesciale" 

   xxxxx                 

       PEDALATE DA CAMPIONI
di Lea Mina Ralli

Mamma cuciva e mai nun ze stancava
anzi cantava mentre lavorava
e puro si'n'era 'na sarta de mestiere
a la machina ce stava c piacere
e sur cimejo che ancora a casa tengo
ce pedalava mejo de Girardengo.

Sur piano de fro che stava allo scoperto
pur'io imparai er primo punto incerto
Ingenuamente c 'na semprice pezzetta
ma coll'impegno de regazzinetta.
Ciebbi cor tempo 'na machina aggiornata
ma solamente quanno fui sposata.

Su questa quante ore ci passate
e quante belle cose ci create!
Ricordo...pedalavo come Coppi
quanno che li lavori ereno troppi.
La vita assieme a lei l'ho conzumata
e come amica io l'ho sempre amata.

Puro mi' fija, nun stata da meno
e su la sua ce core come un treno
ma m er pedale ti elettricizzato
e 'gni lavoro ce l'ha programmato.
La fija sua  che sarebbe puro attratta
ha da studi le lingue no fa' la sarta.

E  m che sa parla' spagnolo e ingrese
potrebbe dedicaje un'ora ar mese
fra la palestra e le specializzazzioni
fa prima ann a compr le confezzioni. 


LI   PORTARITRATTI
di Lea Mina Ralli

Ogni famija ci l'arbo dei ritratti
casa mia n'ho conzervati tanti
delle generazzioni pi arretrate
e c quelle recenti... pi aggiornate
'gni tanto me li sfojo riverente
e vedo ch' sparita tanta gente.

P ogni effigge un ricordo ne la mente
che me fa vel l'occhi tristemente
parenti amici e ricorrenze antiche
e nozze e viaggi e tante tante amiche.

Un fojo appresso all'artro vado avanti
er tempo lungo e li ritratti...tanti.
A un cero punto vedo incorniciate
'na fila de pupe linde e pettinate
che fisseno er "lampo" come spaurite
de queste...quante quante gi sparite
che s compagne de la prima scla
e qu er penziero presto me s'invola.

Si me fusse concesso per incanto
vorei riavelle p'un momento accanto
e ritrov quell'aria sbarazzina
semprice e pura de 'gni regazzina.


ER PENNOLO ANTICO
di Lea Mina Ralli

Er pennlo 800 'na sera s'  fermato
e l sur muro appeso pareva fa'l'offeso
l
'ho subbito staccato sbattuto  smucinato
ma quello come un rudere nun m'ha propio penzato.

N' passato de tempo da quela brutta sera
e su quela parete restato in quarantena.
Ma ieri j'ho parlato mentre l'ho sporverato:
"Certo che sei 'nvecchiato...hai misurato er tempo

da un secolo passato! " Se vede ch'ha capito
e se n' risentito che fasse pij p vecchio
no, propio nun c' stato...

E oggi a mezzoggiorno le dodici ha snato
sentillo all'improviso m'ha puro spaventato!
Forze quer discorzettol'avr scosso un pochetto?

O l'aria de primavera l'avr riscuscitato?
Si devo sse sincera ...'sto dubbio m' restato.

         

 

So' nato
di Fernando Mina
intervista all'autore ed altre poesie

Che fai, piagni?
So' lacrime de gioia, vero,m?
So' nato stammattina de bon'ora
m'hanno dato du' schiaffi sur culetto
ho fatto 'n tempo a 'ntravede' pap
che m'hanno lavato e messo drent'ar letto.
So' stato bravo hai visto? Puntuale!
Senza nemmeno 'n giorno de ritardo
spero sortanto de nun avette fatto male
ch'er dottore t'abbia trattato co' riguardo.

Lo sai che le carezze le sentivo?
mentre m'accarezzavi dar pancione
spignevo i piedi e t'arisponnevo
e te mannavo sempre 'n ber bacione.
Ma adesso fatta, annato tutto bene,
nun vedo l'ora che me porteno da te,
io te e pap staremo sempre 'nsieme,
stavorta uno pi uno fanno tre!

Ma c' 'na cosa che me f penz,
ch'ognuno nasce sempre co' 'n destino
si er monno indo' so' nato questo qu
vorebbe rest sempre regazzino.

 

Per ricordare il grande favolista del novecento, Trilussa, nel 50 anniversario della morte, i Poeti dell'Accademia Trilussiana e del Centro Romanesco Trilussa, hanno riproposto il suo genere favolistico in una nuova raccolta di "FAVOLE" di vari Poeti contemporanei
La poetessa Leda Salusti ha inviato alla Palestra due sue poesie tratte da questa Raccolta, unite ad una sua fotografia che pubblichiamo

ER RAGGIONAMENTO DE LA GALLINA
"Parecchi galli -disse 'na gallina-
se senteno importanti p quer vanto
de salut cor canto la matina.
Ma questo a che j giova?
Canteno bene, ma nun fanno l'ova.!"

POVERA BESTIA
Un vecchio cane stanco der padrone
nun sopportava pi la bastonata,
li stenti, la cuccetta ner portone
in quer palazzo brutto de borgata.
Scapp. Doppo 'na bella camminata
s'aritrov sperduto in un vallone:
un corvo lo merc c 'na beccata
e un bove l'incorn sur cornicione.
Stracco, avvelito mezzo inturcinato
corpito ar core da la malasorte,
se rimpiagne un "padrone" tant'odiato.
Ce lo riavesse adesso, tante vorte
Ma pro cane, resta l strazziato
ner mentre se l'abbraccica la morte!


PRESENTAZZIONE
(
dalle poesie romanesche di Vincenzo Fani
troverete sue notizie nella pagina Ultimissime)

Er Flavio, 'na Funtana
Er Cuppolone
Te penzeno cos
Le genti strane
Te vedeno cos
Le genti bone.

Io canter cos
Come canzone
Er Flavio, la Funtana
            Er Cuppolone.         
    

Questo sonetto ispirato dalla Fontana di Trevi

ER POVETA

Funtana sotto casa
La vrse un Papa pio
Voleva fa' na cosa
Che stava bbene a Dio.

Chiamato l'architetto
J disse : "Vieni avanti
Disegneme un proggetto
Mejo de tutti quanti".

Co' quer disegno 'n mano
T'ha fatto 'sta funtana
Ch'invidia er monno sano.

E' tanto fantasiosa
Ch'en basteno parole...
Nun basta dinne a josa.


Nella pagina degli Autori altre notizie sul nostro poeta romanesco.

Versi dedicati al Flavio e  ispirati dal famoso detto:
Se cadr il Colosseo anche Roma cadr e se Roma cadr anche il mondo cadr 

LO STROLIGO
di Vincenzo Fani
Stanotte m'inzognai
Er Culiseo crollato
Che strano! Me penzai
Che vto ch'ha lassato.
Appena me girai
Rimasi senza fiato:
Roma nun c'era pi...
A! Tutto spianato!
Ma ecchete de botto
Un antro quarant'otto...
Er monno s'era rotto
Er sopra era sparito
E 'n c'era gnente sotto.

Fortuna ...me svejai
E ripenzanno ar fatto:
" Per nun se s mai...
m dico 'na preghiera
p mantenello dritto".

Poesia Ispirata dall'entrata di San Pietro da dove si sale fino al Cuppolone. 

L'ENTRATA

'na piazza, 'n colonnato
e poi tanto serciato
co' 'n obbelisco 'n mezzo
e du' finestre a lato
che fanno da tramezzo.

'na scalinata lenta
che pare 'na salita
te porta piano piano
dove c' l'artra vita.