(1parte) da:    ROMA NUN T'ADDORMI' PARLAMO ANCORA

Roma nun t'addorm
Lo scherzo
L'amicizia semo noi


ROMA NUN T'ADDORMI'

ROMA, nun t'addorm... parlamo ancora!
Ce n'hai de cose che me devi d
da quanno che sei nata, fin d'allora,
jai detto a tutti quanti sempre: "S!"

 

Ma stasera, c ' sta voce de rimpianto,
Tu devi da parl, aprimme er core.
Sfoghete qu c'mme che te sto accanto,
aricconteme da che nasce 'sto dolore.

E Roma risponne...

Che tt'ho dda d? Nun vedi chi governa?

Si mme voleva bbene veramente

nun me chiamava assieme ar nome - Eterna! -

pp poi pijamme a carci, come gnente.

E la matina poi, sciacquato er viso.

me lo ritrovo sporco co 'na scritta

e ch'ho dda fa ... M'enfilo 'n ber soriso,

ingojo 'sto boccone e me sto zitta.

E si m'allungo pp 'na pennichella,

doppo magnato pp la digestione,

me sveja 'n corpo de 'na rivortella

ner mezzo de 'na manifestazzione.

Si scenno a ff du' passi for de porta

nun trovo pi li posti a me pi cari:

'n do' stanno li bei prati de 'na vorta?

L'hanno distrutti li palazzinari!

E m 'sti fatti, se chiameno progresso?!?

Quello ch' stato lo buttamo via?

Sfasciate tutto! Tanto c' permesso,

stamo in reggime de democrazzia.

S stata aperta sempre a tutti quanti

e mai me so' ammalata de razzismo;

Ho servito me stessa c li guanti

e ho ddato ar Monno lezzione de civismo.

Ma adesso, s invecchiata, m'hanno detto!

Ho fatto come tutti, er tempo mio

e m'arimane solo 'sto dialetto

che ci tant'anni quanti ce n'ho io.

E questo me da forza e me conforta,

ci un punto de vantaggio sur domani;

cambiate tutto, tanto nun m'emporta ...

A mme, lassate solo ... Li Romani !

Stampe di Liliana Ralli